Il 29 settembre si celebra la Notte europea dei ricercatori

Ospite d'eccezione a Piacenza sarà il direttore del Cnr Giuseppe Colpani

Mentre si registra il grande successo delle prenotazioni riservate alle scuole, entrano nel vivo i preparativi per l’edizione piacentina della Notte europea dei Ricercatori, che venerdì 29 settembre alle 10, al Laboratorio Aperto del Carmine fulcro di tutte le attività in programma, vedrà presente un ospite d’eccezione: il direttore generale del Consiglio nazionale delle Ricerche Giuseppe Colpani.

A dare l’annuncio ufficiale del suo intervento, così come del patrocinio concesso dal Cnr agli eventi che si svolgeranno nella nostra città, è stato l’assessore alle Politiche Giovanili, Università e Ricerca Francesco Brianzi, affiancato dal collega di Giunta Mario Dadati, assessore alle Politiche Educative e dalla funzionaria comunale Laura Vlacci del Settore Piacenza 2030, durante la conferenza stampa di presentazione dell’iniziativa, cui hanno preso parte i rappresentanti di tutte le realtà scientifiche e accademiche partner dell’Amministrazione comunale in questo percorso, sotto l’egida del progetto europeo #LEAF promosso da Frascati Scienza.

Piacenza è infatti tra le 34 città aderenti, le cui proposte per la 18° edizione della European Research Night, finanziata dalla Commissione Europea, si possono scoprire al link https://www.frascatiscienza.it/fsapp/visualizza-eventi-tutti/4, impostando la nostra città tra i filtri di selezione. Protagonisti della giornata al Laboratorio Aperto del Carmine – con accesso libero e gratuito, fatta eccezione per le prenotazioni richieste alle scuole in orario mattutino – saranno il Politecnico di Milano, l’Università Cattolica del Sacro Cuore, l’Università di Parma, i Consorzi Musp e Leap, Rse, il Conservatorio Nicolini, il Museo civico di Storia Naturale, Art.Er, l’Azienda regionale Er.Go per il diritto agli studi superiori, Open Lab Srl e Urban Hub.

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome