Personale di Federico Arcuri a Milano

L'artista piacentino torna ad esporre alla Galleria l’Affiche di Milano. Nei suoi quadri il brusio del capoluogo lombardo, il camminare incessante delle folle

Seconda mostra personale dell’artista piacentino Federico Arcuri alla Galleria l’Affiche di Milano (via dell’Unione 6). In esposizione, dal 5  al 31 marzo 2023, ci saranno acrilici su tela, gesso, inserti in carta giapponese colorata e, a volte, pagine di libri antichi. Tele di medio e grande formato raccontano la città, ancora una Milano in bianco e nero i cui spazi divengono però spazi universali, nei quali l’artista mette al centro il dinamismo dell’elemento umano, assoluto protagonista.

La prima impressione è di essere stati ritratti dall’autore in un momento inaspettato del nostro incessante correre quotidiano. Ignari, siamo finiti nelle tele di Federico Arcuri, un artista che nei suoi lavori mette in mostra il brusio dei vicoli e delle piazze del capoluogo lombardo, il camminare incessante delle folle, la sospensione dell’attimo in fuga dalla tela stessa, l’impossibilità di fermarci e la velocità inarrestabile che ci rende sfuggenti in primis a noi stessi. La personale di Arcuri intitolata “Vociferare”, a cura di Angelo Altamura, è un’occasione per riprendere fiato, fermandosi e soffermandosi davanti alle sue tele.

Cresciuto circondato da opere d’arte, Federico Arcuri impara presto a esprimersi tramite il segno, prima come illustratore e poi come Art Director in agenzia. Il digitale prende il sopravvento nel mondo del lavoro e lui torna al lavoro manuale, pittorico. Inizia a esprimersi a colori, poi con l’aerografo, lavora sui dettagli. È solo in seguito che inizia a eliminare, in primis i colori. Nei lavori in mostra sono riuniti frammenti di fotografie in composizioni a collage dominate dal bianco e nero che nascono di getto dall’impulso del momento. La pittura acrilica – asciugando più in fretta – ne agevola così il processo creativo. Caratterizzano le tele le velature di colore e un processo continuo di stratificazione, con l’inserimento anche di pagine di libri antichi che l’autore imprigiona in colate di gesso. In mostra anche una serie di acquerelli in cui l’autore sintetizza al massimo il tema del dinamismo delle persone: le scie a grafite rappresentano infatti il segno che la gente lascia al suo passaggio.

Federico Arcuri è nato a Vlaardingen, in Olanda, nel 1963. Vive e lavora a Piacenza.

Il catalogo è disponibile in galleria. L’ inaugurazione si terrà domenica 5 marzo dalle ore 14 alle 21. Apertura mostra: 7 – 31 marzo 2023 martedì-sabato ore 16-19 – Galleria l’Affiche via dell’Unione 6 20122 Milano.

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome