Nuovo caso accertato di Dengue, in zona via Radini Tedeschi

Si tratta di un minorenne: lo ha probabilmente contratto a Castiglione d'Adda. Predisposti interventi di disinfestazione

Un nuovo caso di febbre da Dengue è stato accertato a Piacenza, e più precisamente nella zona di via Radini Tedeschi. Si tratta di un minorenne che ha verosimilmente contratto il virus nel Lodigiano e in particolare a Castiglione d’Adda, dove sono stati già rilevati vari casi autoctoni. Ora il giovane si trova a Piacenza, in isolamento nella sua abitazione, sotto osservazione ed è in buone condizioni di salute.

Sulla base delle comunicazioni dell’Ausl di Piacenza, il vicesindaco Marco Perini ha firmato questa mattina, sabato 21 ottobre, un’ordinanza con la quale si dispongono le varie misure precauzionali che verranno messe in atto nelle prossime ore. Si tratta di alcuni interventi straordinari di disinfestazione contro le zanzare in un raggio di 100 metri dall’abitazione del caso stesso, e di conseguenza nella zona di via Radini Tedeschi dove personale del Comune con l’ausilio della Polizia locale affiggerà appositi cartelli di avviso.

I trattamenti adulticidi saranno effettuati nelle aree pubbliche in questione tra la mezzanotte e le ore 6 del mattino del 21, 22 e 23 ottobre. Contestualmente, si eseguiranno trattamenti larvicidi nei tombini pubblici e, a partire dalle ore 8 della sola giornata di lunedì 23 ottobre, si procederà con interventi adulticidi e larvicidi porta a porta, nei giardini e nelle aree esterne private.

In base all’ordinaza i cittadini che abitano nella zona interessata hanno l’obbligo di consentire l’accesso al personale incaricato dall’Amministrazione comunale e, su affidamento della stessa, da L’Europea Organizzazione Nazionale S.r.l., affinché si possa attuare in modo capillare la disinfestazione e la rimozione di eventuali focolai.

La Polizia Locale assisterà gli operatori e regolerà le temporanee modifiche o limitazioni alla viabilità ordinaria che dovessero rendersi necessarie.

In caso di condizioni atmosferiche sfavorevoli – piogge intense o venti con velocità superiore ai 3 metri al secondo – le operazioni potrebbero essere sospese o posticipate.

In conformità con le Linee guida della Regione Emilia-Romagna per il corretto utilizzo dei trattamenti antizanzara adulticidi, si prescrive alla cittadinanza, nella zona oggetto di disinfestazione, di tenere chiuse porte e finestre, disattivando gli impianti di ricambio dell’aria negli orari indicati.

Si prescrive inoltre di evitare di stazionare e passeggiare all’aperto nell’area in questione e nei dintorni durante l’esecuzione dell’intervento, tenendo in casa gli animali, proteggendo i loro ricoveri e suppellettili (ciotole, abbeveratoi, ecc.) ed evitando che escano nelle aree cortilizie nelle tre ore successive all’effettuazione del trattamento; sempre nelle aree interessate dai trattamenti, evitare di esporre all’esterno biancheria, alimenti ed altri oggetti di uso quotidiano. Le colture d’orto vanno coperte con teli e gli ortaggi e frutta non coperti non potranno essere consumati.

A trattamento completato, sarà necessario procedere con l’uso di guanti al lavaggio con abbondante acqua dei giochi dei bambini e dei mobili che, lasciati all’esterno, siano stati esposti al trattamento.

L’ordinanza sindacale ricorda anche l’importanza fondamentale della collaborazione di tutti i cittadini, in particolare di quelli che abitano nelle zone limitrofe all’area oggetto di disinfestazione, nell’evitare che si formino ristagni d’acqua nelle aree verdi e nei cortili, effettuando regolari trattamenti di disinfestazione con prodotti larvicidi, nelle caditoie e nelle raccolte d’acqua non eliminabili.

In caso di necessità, ci si può rivolgere al Servizio Ambiente, scrivendo a

[email protected]

[email protected]

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome