Nuovi incontri dei carabinieri per contrastare le truffe ai danni di anziani

Due nuovi appuntamenti organizzati dai carabinieri per contrastare le truffe contro gli anziani. Si sono svolti a Travo e Gropparello. I militari dell’Arma hanno fornito ai presenti informazioni e consigli utili. Gli incontri dei carabinieri di Piacenza con i cittadini si inseriscono nell’ambito della campagna di sensibilizzazione avviata dal Comando Provinciale Carabinieri di Piacenza contro le truffe agli anziani. Nelle scorse settimane gli incontri si sono tenuti a Carpaneto Piacentino, Morfasso, Rivergaro e Villanova sull’Arda. Nelle ultime due occasioni a Travo e Gropparello i comandanti di Compagnia e di Stazione hanno dialogato con i presenti e illustrato, anche mediante esempi concreti, le principali modalità utilizzate dai truffatori. I comandanti di Stazione hanno inoltre richiamato l’attenzione su fatti di cronaca realmente avvenuti in paese, descrivendo la tecnica truffaldina maggiormente adottata dai malviventi. Nel mese di marzo sono in programma altri sette incontri coi cittadini: il primo marzo a Cadeo, il 5 marzo a Bettola, il 6 a Fiorenzuola d’Arda, il 9 a Castell’Arquato ed ancora il 15 a Monticelli d’Ongina e il 18 ad Alseno. Il 23 marzo l’ultimo incontro del mese, è stato programmato alle 10,30 ad Ottone; qui i carabinieri incontreranno i cittadini di Ottone, Zerba e Cerignale. Gli ultimi incontri in programma per il mese di febbraio, invece, sono il 29 febbraio alle ore 18 presso l’auditorium “Philippe Daverio” a Bobbio e alle 20,30 a Gossolengo. Durante gli incontri i militari dell’Arma distribuiranno due “Adesivi Antitruffa”, ideati dai carabinieri piacentini per combattere i raggiri nei confronti delle fasce più fragili, realizzati in modo da poter essere utilizzati sulla parte interna delle porte delle abitazioni private. Un adesivo contiene in sintesi tutti i consigli e le cautele da adottare mentre il secondo adesivo da apporre all’esterno è finalizzato a diventare un deterrente nei confronti dei malintenzionati. I carabinieri ricordano che in caso di minimo dubbio bisogna chiamare prima di tutti il numero di emergenza 112. “Gli incontri – ricorda l’Arma – costituiscono un importante momento di aggregazione e vicinanza alla popolazione, confermando sempre più come le Stazioni Carabinieri rappresentano, col loro quotidiano e silenzioso impegno, un baluardo a tutela della sicurezza e della legalità”.

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome