La Piacenza popolaresca delle vecchie borgate raccontata Giuseppe Romagnoli

Il prossimo appuntamento è fissato per giovedì 19 ottobre alle ore 17.30, sempre presso la Famiglia Piasinteina

Nella sede della Famiglia Piasinteina si è svolto il primo degli incontri dedicati alla storia della nostra città: “Piacenza popolaresca delle vecchie borgate”, a cura di Giuseppe Romagnoli.
Davanti ad un numeroso pubblico attento e profondamente appassionato della nostra storia il razdur Danilo Anelli, presentando il relatore, ha sottolineato che l’iniziativa è inserita nelle celebrazioni del 70° compleanno del sodalizio piacentino.
Romagnoli nella presentazione ha ricordato quanto è stato difficoltoso recuperare le immagini e le testimonianze raccolte, visitando i luoghi, rispolverando gli avvenimenti, incontrando gli anziani che ricordavano ciò che avevano vissuto.  Ricerche che hanno richiesto mesi di impegno, svolte in biblioteca sfogliando libri, giornali e tutto ciò che faceva riferimento alle vecchie borgate. Tutto ciò racchiuso poi in due volumi usciti agli inizi degli anni ottanta “Piacenza popolaresca”, a cura dello stesso Romagnoli e di Gaetano Pantaleoni, “Che ricorderò e ringrazierò sempre per l’opportunità e l’aiuto enorme che mi ha dato”, ha detto Romagnoli.
In questo incontro il relatore si è soffermato sulle borgate di Borghetto, Sant’Agnese, Cantarana, ed il nostro Po. Le Borgate erano chiuse tra di loro, ed era vietato varcare i propri confini per non rischiare risse e “sassaiole”.
Immagini che come lo scorrere di un film si sono guardate le esondazioni del Po’, la vecchia fornace di Borghetto, la Colonia elioterapica Calciati (sull’isolotto Maggi, il mare dei piacentini), lo Chalet della Società Canottieri della Vittorino Da Feltre, la pescata degli storioni, la cuccagna e la gara della pastasciutta di S. Agnese, l’Osteria della Pireina, il bottonificio Capra di S. Bartolomeo, la Chiesa di San Sisto (la parrocchia del popolo con don Paolo Veneziani). Anche alcuni personaggi che i piacentini hanno sempre ricordato: Ciotti, Gelati, i coniugi Migli (con lo Zeti) e… tante altre immagini…
Una Piacenza delle vecchie borgate povera ma dove ci si aiutava gli uni con gli altri con una straordinaria solidarietà, e un piatto di minestra da qualche parte si trovava sempre da mangiare.
Per la seconda parte appuntamento giovedì 19 ottobre alle ore 17.30, sempre presso la Famiglia Piasinteina.

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome