“Il malato immaginario” in scena al Teatro President per la Rassegna dialettale

Venerdì 5 gennaio alle ore 21 presentato da Ar Teator dra Familia Bubièiza

Venerdì 5 gennaio alle ore 21 al Teatro President per la Rassegna dialettale “Corrado Sforza Fogliani” in scena Ar Teator dra Familia Bubièiza che presenta “Il malato immaginario” di Moliere, con la regia di Maurizio Alpegiani. Commedia in tre atti, adattata e tradotta in dialetto da Maria Grazia Cella e Alessandra Mazzari.
La rassegna dialettale è realizzata grazie al sostegno della Fondazione di Piacenza e Vigevano e la Banca di Piacenza e il Patrocinio del Comune di Piacenza.
Il Malato immaginario (1673) è considerato uno dei testi classici della comicità di Moliere. E’ la sua ultima opera in cui l’autore prese parte in quattro rappresentazioni e dove l’ultima si chiuse con la sua morte. Testo scritto direttamente sulla scena in un momento in cui sapeva della sua morte ormai imminente.
Forse per la volontà di esorcizzare la morte ha creato un personaggio (Argante) tormentato ed ossessionato della morte al appunto di essere “malato immaginario”, si rivolgendosi ad una schiera di medici.
Nascono così dinamiche familiari, insofferenze umane e questioni legate alla salute, il tutto con quel tocco di comicità travolgente che pochi come Molier sanno esprimere in teatro.
Personaggi ed interpreti; Argante, Gigi Bertacchi; Tonietta, Sandra Mazzari; Angelica, Barbara Carminati; Belinda, Luisella Zanlunghi; Notaio, Toni Loforti; Cleante, Andrea Alberici; Dott. Purgone, Manuel Martini; Tommaso Dufur, Andrea Bernardi; Luigina, Elena Arnica; Beraldo, Maurizio Alpegiani; Farmacista, Giovanni Scotti; 1° Dottore Andrea Bernardi, 2° Dottore Roberta Forelli, 3°Paola Fagnola. Rammentatrice Maria Grazia Cella.
Posto unico non numerato € 12 – Soci Famiglia Piasinteina € 5 – Under 18 gratuito
Prevendita : CITY BAR,  Via Manfredi 33  da Lunedì a Sabato  dalle ore 7 alle 19
Info e prenotazioni:  tel. 351 8728156  da lunedì a Sabato dalle 15 alle 19

 

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome