Grazie al GPS recuperate otto bici da corsa e costose attrezzature nascoste in un camper

Seguendo il segnale radio i carabinieri hanno individuato un camper posteggiato a Sant'Antonio. Tre mezzi erano stati rubati ad atleti della Repubblica Ceca. Denunciata donna di 55 anni

Una donna di 55 anni, proprietaria di un camper, è stata denunciata per ricettazione dai carabinieri della stazione di Piacenza Levante, che hanno recuperato e sequestrato 8 bici da corsa del valore complessivo di circa 25mila euro e 19 cassette di utensili ed attrezzi professionali del valore di circa 65mila euro.

Alla refurtiva i militari piacentini, in collaborazione con i colleghi di Varese, sono arrivati seguendo il localizzatore gps di una delle bici rubate.

I carabinieri sono così intervenuti in un parcheggio pubblico in città nella zona di San’Antonio dove era parcheggiato, tra i mezzi in sosta,  un camper, l’unico veicolo in grado di poter contenere le biciclette senza che fossero visibili dall’esterno. I militari della Levante insieme ad un equipaggio del Radiomobile di Piacenza dopo aver rintracciato la proprietaria, hanno trovato sul mezzo nascoste 8 biciclette da corsa, 5 ruote lenticolari, 19 valigette contenenti utensili quali avvitatori, trapani, flessibili ed altri attrezzi professionali.

Tre delle biciclette recuperate, tra cui quella dotata del localizzatore gps, erano state rubate domenica 1 ottobre a Varese al termine della competizione ciclistica “Tre Valli” a tre atleti della Repubblica Ceca che durante la pausa pranzo le avevano lasciate a bordo di un furgoncino parcheggiato.

Tutto il materiale rinvenuto è stato sequestrato. Sono stati contattati i tre atleti della Repubblica Ceca per la restituzione delle loro bici da corsa e sono state subito avviate le indagini per cercare di risalire agli ulteriori proprietari delle bici e di tutte le valigette di attrezzi professionali.

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome