L’archivista del Vaticano svela il ruolo di Papa Pacelli con gli ebrei durante la seconda guerra mondiale

Sabato mattina al PalabancaEventi la presentazione del volume di Johan Ickx

Dopodomani, sabato 25 novembre alle ore 10, al PalabancaEventi di via Mazzini (Sala Panini) sarà presentato – per iniziativa della Banca di Piacenza – il volume “Pio XII e gli ebrei” (Rizzoli-La grande storia) di Johan Ickx, direttore dell’Archivio storico della Sezione per i Rapporti con gli Stati-Segreteria di Stato della Santa Sede. L’autore illustrerà il libro in dialogo con Augusto Bottioni, consigliere dell’Istituto di Storia contemporanea di Piacenza (Isrec).

L’opera rivela finalmente il ruolo di Papa Pacelli durante la seconda guerra mondiale, affidandosi alle sole testimonianze documentali autentiche. Ickx (che ha svolto la sua carriera in diversi dicasteri della Curia Romana), ricostruisce per noi le vicende che videro protagonisti Pacelli e i suoi più stretti collaboratori, il celebre Bureau, dipingendo una serie di ritratti tanto vividi quanto accurati. A conflitto finito, Pacelli fu salutato come il salvatore di Roma dallo scempio dell’occupazione nazista: politici di primo rango e influenti personalità del mondo ebraico ne elogiarono il comportamento e l’operato. Di lì a poco, però, quella visione cambiò radicalmente. Prima la stampa sovietica poi la celebre pièce teatrale Il vicario lo descrissero all’opinione pubblica sotto tutt’altra luce.

La partecipazione è libera con prenotazione ([email protected]; 0523 542441).

 

Publicità

LASCIA UN COMMENTO

Inserisci il commento
Inserisci il tuo nome